1. Canti

Vidi nommu ti ceca la fortuna

Vidi nommu ti ceca la fortuna é un canto popolare di Melito di Porto Salvo (RC), citato in Marzano, Giovan Battista Dizionario etimologico del dialetto calabrese:

Vidi nommu ti ceca la fortuna,
Mi pigghi ‘n’ autru amanti e a mia mi dassi;
Vidi ca praticai cu li magari
Sacciu comu si fa la magaria:
Ossa di morti, midudda di cani,
Li pezzi vecchi di la sagrestia:
‘Nci voli l’acqua di setti funtani,
E tri petruni di la crucivia;
‘Nci voli l’unghi di ducentu mani
Pigghiati a centu Turchi ‘n Barbaria;
Ed eu ti dicu mu mi dassi fari,
Si no lu peju é sempi pi tia.

Trad.

Bada a non farti accecare dalla fortuna,
Di prendere un’altro amante e di lasciarmi;
Bada che io ho fatto pratica con i maghi
So come si fa una stregoneria:
Ossa dei morti, cervelli di cani,
Gli stracci vestri della sacrestia:
Ci vuole l’acqua di sette fontane,
E tre pietre grosse dal quadrivio
;
Ci vogliono le unghie di duecento mani
Prese a cento Turchi in Barberia;
Ed io ti dico di lasciarmi fare,
Altrimenti il peggio é sempre per te.

Comments to: Vidi nommu ti ceca la fortuna

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

Login

Welcome to Typer

Brief and amiable onboarding is the first thing a new user sees in the theme.
Join Typer
Registration is closed.