Liberi vannu é una poesia in dialetto calabrese di Rocco Greco. La poesia celebra la libertá delle rondini, in contrasto con le restrizioni dovute alla pandemia di coronavirus del 2020.

E su’ jornàti, comu vôli Dio,
Di la stagioni chi t’allarga u cori
‘A natura no’ sind’accorgìu
Di ‘stu burdèllu, di cu camba o mori.

I lindanèj tornaru a rallegrari
I chjàzzi e i strati di chistu paìsi
Gìranu ‘ndornu, senza mai posàri
‘Ngèlu pittàti pari ca su’ ‘mbisi.

L’omani vannu pe’ li strati, afflitti
Stricàndu muru muru pe’ la via
L’unu cu’ l’atru si guardanu sospetti
Pe’ la paura di la malatìa.

Vòlanu ‘acèji , supra chista gendi,
Liberi vannu senza ‘mbedimènti!

Trad.

E sono giornate, come vuole Dio,
Di stagioni che ti fanno allargare il cuore,
La nature non si é accorta
Di questa confusione, di chi vive o muore.

Le rondinelle sono tornate a rallegrare
Le piazze e le strade di questo paese
Girano intorno, senza mai posarsi,
Come se fossero dipinti nel cielo.

Le persone vanno per le strade, afflitte,
Strusciandosi contro i muri della via
Si guardano con sospetto gli uni con gli altri
Per paura della malattia.

Volano uccelli, sopra queste genti,
Vanno liberi, senza impedimenti!

Da lacnews24.it



Comments to: Liberi vannu

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

Login

Welcome to Typer

Brief and amiable onboarding is the first thing a new user sees in the theme.
Join Typer
Registration is closed.