1. Grammatica

Il nome nel dialetto calabrese

In questo articolo tratteró del nome nel dialetto calabrese: nome al singolare, nomi al plurale e genere dei nomi.

Nomi al singolare

I nomi nel dialetto calabrese terminano in a, i, u. Che io sappia, ce ne sono molto pochi che finiscono in e, eccetto il monosillabo re, e o, e sono per lo più gallicismi in forma accentata: cafè, gilè, cumò. La terminazione in o é rara o inesistente.

  1. Terminazione in u > nomi della 2a e 4a declinazione latina.
    – Es. ‘u lupu (lupus) e ‘u casu (cusaeus) > 2a declinazione;
    ‘u pùartu (portus) e ‘u carru (currus) > 4a declinazione;
  2. Terminazione in e > molti nomi della 3a declinazione latina.
    – Es. ‘u pede (pes), ‘u dente (dens), ‘u cane(canis).
    ùaminu (homo, 3a declinazione) sfugge a questa norma.

Nomi al plurale

La maggior parte dei nomi hanno il plurale in i: cacciòffula — cacciòffuli; gatta — gatti; vitèddu — vitèddi.

Genere dei nomi

Sono maschili i nomi maschili in italiano e terminano per lo più in u e in e, raramente in a o in i.

Es. lupu, pede, carabineri, poeta.

I nomi femminili terminano per lo più in a, raramente in u o in i.

Es. zingara, manu, cummari.

I nomi che terminano in a sono quindi femminili: mbriàca, muddica, quàgghia, suppizzàta, tinàgghia, zita… Quelli in u maschili: aggliiu, citròlu, disiu, gilàtu, jiornu, ’ngannu, ou.

Quelli che terminano in i, alcuni sono maschili: fallignàmi, latti, pani; altri femminili: assi, buci, caci, fascimi, lisi, nini, peddi, serpi, urpi

Sono di genere comune: cani, friniti, lignami, trastulànti

Ci sono peró alcune eccezioni, come ad esempio:

  1. brazzu, budèddu, cannòlu, citròlu, furnu, lignu, ossu… che al plurale escono in a
  2. fica, pira, pruna, pumadòru… i nomi che al singolare finiscono in i, il monosillabo re, e gli ossitàni che non cambiano desinenza al plurale
  3. Alcuni nomi che si adoperano solo al singolare: caci, canìgghia, canigghiòla, farina, fumèri, gghiànda, jurmànu, lana, landa, lintìcchia, linu, panìculu, racìna, rana, risu, serratura, e tutti i nomi dei metalli

Per indicare le piante fruttifere, nel dialetto calabrese si cambia in ara la desinenza singolare dei nomi dei loro frutti: castagna — castagnàra, citru—citràra, citròlu — citrolàra, cucùzza — cucuzzàra, mandarìnu — mandarinàra, mmèndula — mmendulàra

Per indicare le piante non fruttifere , il dialetto calabrese muta anche in ara la finale dei loro fiori: cacciòffula — caccioffulàra, gersumìnu — gersumìnàra, rosa — rosàra.

Ci sono anche qui delle eccezioni:

  1. Gghiànda — rùulu, ìlici; racìna — viti, pèrgula; ràttula — parmàra
  2. Jurmànu, luppìnu, majòrca, òrgiu, rànu, dove pianta e frutto, hanno un sol nome
  3. Tutte le erbe mangerecce che seguono le leggi generali de’nomi, come: àccia, agghiu, bastunàca, bròcculu, burràina, cappucciu, caròta, càulu, caulusciitri, cicoria, cipùdda, jìnocchiu, lattòca, rafanèdda, ràpa

Fonti

Malara, Giovanni Vocabolario dialettale calabro-reggino-italiano, Arnaldo Forni Ed. 1982, p. IX-X
https://uhocularu.wixsite.com/uhocularu/morfologia-il-nome

Comments to: Il nome nel dialetto calabrese

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

Login

Welcome to Typer

Brief and amiable onboarding is the first thing a new user sees in the theme.
Join Typer
Registration is closed.