A San Michele é una canzone in dialetto calabrese del 2021 di Davide Ambrogio, cantante calabrese originario di Cataforío (RC).

Il brano ha vinto il premio Musica contro le mafie, una competizione che ha visto la partecipazione di 792 musicisti.

“La ‘Ndrangheta è la mafia col minor numero di collaboratori di giustizia anche perché costruisce i suoi legami fiduciari su quelli che sono ancor prima legami familiari e di sangue. Ma qualcosa sta cambiando e a parlare adesso sono proprio i figli dei boss, che mescolando dolore, rabbia e speranza scrivono una storia nuova, quella di A San Michele. Un figlio che incalza interrogativi retorici e provocatori davanti alla tomba del padre che non c’è più, l’unica risposta è il monito di un canto funebre che invoca San Michele. Lo scontro tra criminalità e legalità percorre la linea sottile che unisce e separa un padre dal figlio. Nasce così un canto liberatorio che è l’urlo di chi lotta, la forza di chi combatte e la speranza di chi invoca giustizia.

Animazione: Alessandro Ferraro
Post-produzione video: Alessio Morglia
Musica: Davide Ambrogio
Arrangiamento: Davide Ambrogio
Prodotto da: Davide Ambrogio, Valerio Camporini Faggioni, Walter Laureti
Testo: Gianvincenzo Pugliese/tradizionale calabrese
Davide Ambrogio: voci
Filippo De Laura: percussioni, violoncello e The Root Simone Pulvano: percussioni

Link Esterni:
https://www.davideambrogio.com/
https://www.musicacontrolemafie.it/

Testi

E mu ca u sangu s’è quagliatu E lu fucu t’ha nghiuttutu
Jujjhiammìllu : u tini nu littu pe ci sunnà?
E mu ca l’aria t’è fuiuta E la manu s’è fermata
tu Dimmìllu : u tini nu tamburu pe ci minà?
E mu ca l’ucchi su stutati E li i Frati si su butati
Gridammillù : u tini nu mari pe ci nota’?

E mu ca i jhuri ti commoglianu Ma su li figli ca ti chiangianu
Cantammìllu: cu quanti lami t’hanu vasatu?
E mu c’a mamma sempre prena Perde nu figliu e non s’adduna
Tu Jastimà: cu quanti lami t’annu pungiutu ?
E mo ca si frunna tra li frunniE lu vintu t’ha vulatu all’atru munnu
Cantammìllu: t’è rimasu nu cilu o si ghiutu mfunnu?

A chillu mundu non c’è stanza riali
Nemmenu u liettu pa riposari
Ca nc’è la terra niura e si misi a squagghiari. A San Michele

A chillu mundu non c’è curtina
Nemmenu u liettu pa cci dormiri
Ca nc’è la terra niura e si misi a scumpariri. A San Michele

Trad.

E ora che il sangue si è gelato E il fuoco ti ha inghiottito
Sussurrami: ce l’hai un letto per sognare?
E ora che l’aria t’è fuggita E la mano si è fermata
Dimmi : ce l’hai un tamburo su cui battere?
E ora che gli occhi sono spenti E i Fratelli si sono voltati indietro
Gridami: ce l’hai un mare in cui nuotare?

E ora che i fiori ti sommergono
Ma sono i figli che ti piangono Cantami: con quante lame ti hanno baciato?
E ora che la Mamma sempre pregna Perde un figlio e non se ne accorge
Maledicila: con quanti lame ti ha punto?
E ora che sei foglia tra le foglie E il vento ti ha portato alla’Altro Mondo
Raccontami: t’è rimasto un cielo o sei finito sul fondo?

In quel mondo non c’è vera stanza,
Nemmeno un letto per riposarci
chè c’è la terra nera e sei messo li a disfarti. A San Michele

In quel mondo non c’è cortina,
E nemmeno un letto per dormirci,
chè c’è la terra nera E li ci sei messo a scomparire. A San Michele

Comments to: Davide Ambrogio, A San Michele (2021)

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

Login

Welcome to Typer

Brief and amiable onboarding is the first thing a new user sees in the theme.
Join Typer
Registration is closed.