1. Detti

Bona sira, dissi me’ patri, se mangiati nommu ‘ndi vògghiu, ma se troppu mi pregati mu li pìgghiu du’ brocciati! 

Anonimo, Laureana di Borrello (RC)

… che cosa significa?

Trad. “Buona sera, mi ha pregato di dirvi mio padre, se cenate di non accettare ma, se proprio insistete, di prendere alcune forchettate!”.

Lo sciocco fidanzato, avvertito dal genitore di comportarsi educatamente con la ragazza e di mettersi a tavola soltanto dopo lunghe insistenze, così si presentò dai futuri suoceri.

L’aneddoto é tratto da Caruso, Domenico Storie e folklore calabrese, 1988 via brutium.info.

Comments to: Bona sira, dissi me’ patri

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

Login

Welcome to Typer

Brief and amiable onboarding is the first thing a new user sees in the theme.
Join Typer
Registration is closed.