A’ Madonna da’ Muntagna é un canto e preghiera in dialetto calabrese di Domenico Caruso di San Martino di Taurianova (RC).

Sup’Asprumunti c’è ’na gran Signura,
Maria di la Muntagna esti chiamata:
jèu mu’ l’arrivu no’ cci vìju l’ura
e no’ mi stancu di la caminata.

E comu i nostri patri sonu e cantu,
’u cori ’n manu a’ Vèrgini presentu
e no’ mi movu di lu locu santu
se no’ si poni fini o’ me’ tormentu.

Matri adorata, no’ m’abbandunati
ca’ li bisogni me’ Vu’ li sapiti, 
vògghju gridari pe’ tutti li strati: 
“Veniti genti e di prèju ciangiti!”

Rigina chi lu Celu cumandati,
la paci sulu Vu’ potiti dari:
pecchì pentutu su’ di li peccati,
li Vostri gran virtù vògghju lodari!

E quandu a la me’ casa jèu ritornu
mi sentu veramenti ricriari
e pregu la Madonna notti e jornu
pe’ li figghjòli e li perzuni cari.

Trad.

Sull’Aspromonte c’é una gran Signora,
Maria della Montagna é chiamata:
Io non vedo l’ora di raggiungerla
e non mi stanco della camminata.

E come i nostri padri suono e canto,
il cuore in mano alla Vergine presento
e non mi muovo dal luogo santo
se non si pone fine al mio tormento.

Madre addolorata, non mi abbandonate
ché voi conoscete i miei bisogni,
voglio gridare per tutte le strade:
“Venite genti e piangete dalla meraviglia!”

Regina che il cielo comandate,
solo voi potete dare la pace:
perché sono pentito dei miei peccati,
voglio lodate le Vostre gran virtú!

E quando io ritorno a casa mia
mi sento davvero riavere
e prego la Madonna notte e giorno
per i bambini e le persone care.

Comments to: A’ Madonna da’ Muntagna

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attach images - Only PNG, JPG, JPEG and GIF are supported.

Login

Welcome to Typer

Brief and amiable onboarding is the first thing a new user sees in the theme.
Join Typer
Registration is closed.